Navigazione access key


1414

Alarmnummer Schweiz

Anrufen


+41 333 333 333

Aus dem Ausland

Anrufen


contenuto

Aiutare dove c'è bisogno


Attualità Rega del 12.12.2017

L'ultimo volo

La Rega porta il soccorso aereo medicalizzato ovunque ce ne sia bisogno. A volte però, in primo luogo servono empatia, talento nell'improvvisare e compassione, ancor prima del soccorso medicalizzato. Condividiamo con voi tre episodi che ci hanno toccato profondamente. A dimostrazione che l'aiuto al prossimo può avere molte forme.


L'ultimo volo

L’elicottero della Rega atterra sul grande prato accanto ad un palazzo plurifamiliare. Il paramedico apre lo sportello della cabina e, insieme con i colleghi, estrae la barella con una paziente di 17 anni, allacciata a diversi tubi collegati a dei dispositivi medici portatili. Un apparecchio cuore-polmoni esterno mobile (ECMO) fornisce ossigeno al sangue. Per la paziente le apparecchiature sono vitali. L’equipaggio della Rega la porta attraverso il giardino e dentro l’appartamento. Ora è a casa sua, da sua mamma, dal fratello e dall’adorato gatto. È tornata nel palazzo dove è nata e cresciuta. È la prima volta dopo mesi. La sua condizione non glielo ha più consentito, la salute è gradualmente peggiorata. La malattia si è rivelata essere inguaribile, e lei perderà la sua lotta. A quel punto, la giovane donna ha espresso il desiderio di vedere ancora una volta i suoi e il suo gatto e di congedarsi da loro fra le mura di casa sua. Nel reparto cure intensive, la madre parla con il team medico per sapere se è possibile un volo con l’eliambulanza della Rega. La Rega risponde affermativamente e porta la paziente a casa sua, allacciata alle apparecchiature dell’ospedale e accompagnata dal personale delle cure intensive. Ora, con tutta la famiglia siede ancora una volta nell’amata casa. Dopo un certo tempo, il pilota della Rega avvia di nuovo le turbine, la paziente è in barella e guarda attraverso il finestrino della cabina. Il ritorno all’ospedale sarà il suo ultimo volo.

La chiamata dall'estero

La chiamata dall'estero

Da giorni, stanno insieme scoprendo i sentieri della regione. La coppia di pensionati svizzeri trascorre le vacanze sulla costa italiana. Si godono il clima mediterraneo e la gustosa cucina. Oggi fa particolarmente caldo, il sentiero è ripido. Ed ecco che, improvvisamente, il marito si accascia al suolo. I soccorritori locali possono solo constatarne la morte. A causa delle barriere linguistiche la donna, che ha appena perso suo marito, non riesce a comunicare con le persone che le stanno accanto e si sente abbandonata a sé stessa. I soccorritori stanno aspettando i rinforzi per trasportare a valle il defunto. Nel frattempo, la donna col cellulare chiama il figlio in Svizzera. Questi a sua volta chiama la centrale operativa della Rega, disperato chiede aiuto … dato che la Rega aiuta anche all’estero. La capo intervento reagisce prontamente, improvvisando. Gli spiega che dopo un decesso all’estero, la Rega non può più intervenire, ma il caso è ormai di competenza dell’ambasciata svizzera. Quel che può fare lei è mettere la signora in contatto con il servizio sociale e d’assistenza della Rega. La responsabile è attiva in diversi team d’assistenza e ha molta empatia per le persone in condizioni critiche. Poco dopo, la moglie del defunto è in collegamento con la collaboratrice della Rega che la ascolta, si fa descrivere la situazione sul posto e viene a sapere che si trova sul sentiero e tutta sola sta seguendo i soccorritori italiani che portano a valle il corpo del suo marito defunto. Il colloquio telefonico dura quasi un’ora. Qualche settimana più tardi, la donna ritornata in Svizzera chiama il servizio sociale della Rega, ringraziando per l’assistenza morale in quel momento difficile: «… mi ha aiutato molto a superare lo smarrimento, la rabbia e la tristezza per la grave perdita».

Il bottino della giornata

Il bottino della giornata

Un uomo anziano sta pescando sul molo di una città portuale nell’Italia meridionale. La punta della canna da pesca si piega verso l’acqua e il pescatore inizia a girare il mulinello per ritirare la lenza. Dev’essere una grossa preda, che con il suo peso rischia di spezzare la punta della canna. Adagio, adagio riesce a tirare in superfice una massa scura: l’amo si è agganciato ad una borsa da viaggio nera. Un po’ deluso issa la borsa sul molo e la apre. Vi trova abbigliamento, scarpe e un portafoglio, il tutto bagnato ma in buone condizioni. Su di una tessera trova stampato un numero telefonico: +41 333 333 333. Lo seleziona e si sente rispondere «Schweizerische Rettungsflugwacht Rega, Grüezi». La capo intervento parla italiano e così il pescatore le racconta del ‹grosso bottino› e della tessera. Con l’aiuto del numero di sostenitore la capo intervento identifica il proprietario. Tramite Internet trova il numero di casa del titolare della tessera Rega e, grazie ad una deviazione automatica lo raggiunge sul cellulare. Il sostenitore Rega si trova in vacanza in Italia e chiede di cosa si tratta. «Come dice? Avete trovato la nostra borsa?», chiede ridendo felice. Gli è stata rubata poche ore prima. La capo intervento organizza un collegamento a tre con il cortese pescatore al molo e fa da interprete fra i due. Un’ora dopo al molo, il pescatore consegna la borsa ormai creduta persa al raggiante padre di famiglia svizzero. È bagnata ma, a parte qualche banconota in euro, il contenuto e i documenti sono completi e la giornata di vacanze termina a lieto fine.

Tutti e tre gli avvenimenti escono dallo schema abituale di un comune intervento della Rega. Per simili eventi non esistono direttive, check list o algoritmi e, proprio per questo motivo, il personale della Rega deve avere delle doti straordinarie, ossia la volontà di aiutare il prossimo in ogni situazione e con i mezzi a disposizione … e fosse anche solo con un collegamento telefonico.

 

Indietro alla panoramica

Maggiori informazioni

Diventate sostenitore

Grazie per il vostro appoggio

Diventate sostenitore!

Newsletter Rega

Abbonatevi subito!

Newsletter Rega

Allarme 1414 - il gioco del soccorso

Ora disponibile nel Rega-Shop

Allarme 1414 - il gioco del soccorso

Inizio pagina