Cambiare la dimensione del font

Ricerca

Rega – Guardia aerea svizzera di soccorso

La Rega sospende i lavori di pianificazione per una base operativa a Davos

La Guardia aerea svizzera di soccorso Rega sospende i lavori di pianificazione di una base operativa a Davos. Questa decisione è stata motivata dall'avanzamento di tre progetti di mo-dernizzazione e ampliamento di altre sedi Rega esistenti nella Svizzera sudorientale. Queste offrono ora nuove possibilità per lo stazionamento di elicotteri di soccorso supplementari. La Rega, in collaborazione con il comune di Davos, riesaminerà la situazione tra qualche anno.

D'intesa con il comune di Davos, la Rega ha informato l'Ufficio federale dell'aviazione civile UFAC della sospensione del processo PSIA in corso per la costruzione di una base Rega a Davos. Sono stati fatti progressi incoraggianti nell'ambito di tre progetti che finora erano stati parzialmente bloccati. Si tratta del rinnovo o dell'ampliamento delle basi Rega esistenti nella Svizzera sudorientale, in particolare a Samedan (GR), Untervaz (GR) e Mollis (GL). In tutti e tre i luoghi, lo spazio è attualmente troppo stretto per consentire, ad esempio, di accogliere altri elicotteri di soccorso durante la notte. Per questo motivo la Rega porta avanti da tempo diversi progetti per sostituire o ampliare queste basi Rega con nuove costruzioni.

I progetti a Samedan, Mollis e Untervaz avanzano

Negli ultimi mesi sono stati compiuti importanti progressi in questi progetti: in Engadina, dopo una lunga interruzione del progetto di costruzione di nuove infrastrutture all'aerodromo di Samedan, si può ora presumere che un moderno edificio possa essere costruito entro un lasso di tempo ragionevole, in sostituzione dell'ormai obsoleta base Rega Samedan. A Untervaz, dove la Rega è comproprietaria dell'eliporto, sono in corso colloqui per l'ampliamento dell'infrastruttura. E anche a Mollis ci sono segnali che indicano che nei prossimi anni si potrà realizzare una nuova costruzione per la base operativa all'aerodromo. Prima di proseguire la costruzione di una nuova base a Davos, la Rega desidera pertanto concentrarsi sulla realizzazione di questi progetti ed è convinta che ciò rafforzerà ulteriormente l'offerta di cure mediche aeree in tutta la regione della Svizzera sudorientale.

Il comune di Davos esprime la sua comprensione

Tarzisius Caviezel, sindaco del comune di Davos, commenta questa decisione: «Posso capire lo sviluppo attuale che parla a favore di una sospensione. Lo scopo dei miei sforzi è quello di fornire alla popolazione di Davos un'assistenza medica sicura. La Rega mi ha confermato che, con i progressi che ci si può aspettare nei siti esistenti nei dintorni, l'assistenza medica aerea per la popolazione di Davos può essere garantito 24 ore su 24 dall'aria, anche all'aumentare stagionale del numero degli interventi». Il processo è stato quindi sospeso per un periodo di 10 anni, ma non è stato interrotto. Se la situazione dovesse cambiare in futuro sarebbe possibile riprendere congiuntamente la richiesta di insediamento di una base Rega a Davos. Il CEO della Rega Ernst Kohler ha ringraziato la popolazione e le autorità: «Il progetto per una nuova base Rega a Davos ha ricevuto molto sostegno e una forte adesione da parte della popolazione, oltre ad alcune voci critiche. Ringraziamo la popolazione di Davos come pure le autorità coinvolte a livello comunale, cantonale e nazionale per il dialogo costruttivo».

Informazioni aggiuntive

Servizio stampa Rega:

Voglia ricordare che le seguenti coordinate sono riservate ai giornalisti.

Servizio stampa Rega
Federica Mauri
Base Rega Ticino
Via Aeroporto 15
6596 Gordola

T: +41 (0)79 964 17 79
federica.mauri@rega.ch